Comunicazione agli iscritti – Elezioni per il rinnovo del Consiglio territoriale dell’Ordine 2021-2025

Data:
21 Settembre 2021

Logo Ordine degli ingegneri della Provincia di Palermo

Cari Colleghi,

con delibera del giorno 16/09/2021 il Consiglio dell’Ordine ha stabilito quanto segue:

  • di non procedere all’indizione delle elezioni stante la sospensione del “Regolamento recante la procedura di elezione con modalità telematica da remoto dei Consigli territoriali degli Ordini degli Ingegneri” in seguito all’ordinanza cautelare del TAR Lazio;
  • di inviare il presente atto deliberativo al Ministero della Giustizia e al CNI al fine anche di ricevere indicazioni urgenti dal Ministero vigilante;
  • di notiziare nel merito tutti gli iscritti via pec.”

Questa decisione è stata presa in considerazione degli eventi che si sono succeduti in questi ultimi mesi e che di seguito si evidenziano al fine di fornire ad ogni iscritto il quadro obiettivo della situazione.

Nella seduta del 6 maggio 2021 il Consiglio dell’Ordine, attesi i rischi legati al contagio da COVID-19, ha ritenuto opportuno procedere alle elezioni per il rinnovo del Consiglio avvalendosi della procedura telematica da remoto prevista dal “Regolamento recante la procedura di elezione con modalità telematica da remoto dei Consigli territoriali degli Ordini degli Ingegneri” (art. 31 Decreto Legge 28/10/2020 n.137 convertito in Legge 18/12/2020 n.176, adottato dal CNI con delibera in data 8/1/2021 e approvato con prescrizioni in data 3/2/2021 dal Ministero della Giustizia Prot. n°3677) e, alla luce dell’art. 7, comma 1, del richiamato regolamento, in pari data ha deliberato di differire l’indizione delle elezioni successivamente alla comunicazione del CNI dell’avvenuto collaudo tecnico amministrativo della piattaforma per il voto telematico, a seguito della gara per affidamento del servizio di votazione elettorale avviata dal CNI medesimo, tramite la Sua Fondazione.

Con circolare n. 768 del 28/07/2021, il CNI comunicava che il 30 luglio successivo avrebbe assunto il provvedimento conclusivo relativo al collaudo della piattaforma per il voto a distanza, indicando la data del 16.09.2021 quale termine ultimo per l’adozione della deliberazione di indizione delle elezioni da parte dei Consigli provinciali, al fine di consentire l’insediamento del nuovo Consiglio entro il mese di ottobre 2021, come espressamente richiesto dal Ministero della Giustizia Dipartimento Generale degli affari interni – Ufficio II Ordini professionali e albi con nota del 21.07.2021 di riscontro alla nota con cui il CNI il 28.06.2021 richiedeva alla Ministra Cartabbia chiarimenti su “Fissazione data elezioni per il rinnovo dei Consigli territoriali e del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Ingegneri”.

Nella stessa nota di richiesta di chiarimenti il Consiglio Nazionale rappresentava alla Ministra “che risulta attualmente pendente avanti al Tribunale amministrativo per il Lazio il giudizio promosso dal Consiglio dell’Ordine degli ingegneri della Provincia di Roma avverso il Regolamento adottato dallo scrivente Consiglio, volto a censurare l’assenza di previsioni atte a garantire un’adeguata rappresentanza di genere e la parità di accesso alle cariche elettive, costituzionalmente tutelate ex articolo 51 della Costituzione. Il ricorso estende la riferita doglianza anche al D.P.R. n. 169/2005, che, sin dalla sua adozione, presenta il medesimo vizio di incostituzionalità. Il prossimo 20 ottobre si terrà l’udienza di discussione sul merito della controversia, alla quale farà seguito la decisione del Tribunale. Nel rilevare incidentalmente che il Regolamento impugnato non avrebbe potuto formare oggetto di innovazione sul punto, stante l’assenza di esplicite indicazioni derogatorie nelle norme di delega contenute all’articolo 31 del decreto legge 28 ottobre 2020, n. 137, preme evidenziare che, in caso di accoglimento del ricorso, entrambe le richiamate discipline elettorali sia nazionale che territoriali verrebbero annullate in parte qua , rendendo necessario un successivo intervento riformatore per adeguarle al precetto costituzionale di riferimento, con ovvie ripercussioni sullo svolgimento delle elezioni dei Consigli territoriali e del Consiglio nazionale.”

Alla luce di quanto sopra il Consiglio Nazionale invitava il Ministero a valutare l’opportunità di un differimento delle elezioni “per scongiurare il rischio di un possibile annullamento delle operazioni effettuate in applicazione di regole successivamente giudicate illegittime e il conseguente avvio di un contenzioso”. Il Ministero, in riferimento alle paventate ripercussioni sulle elezioni determinate dalla pendenza del contenzioso amministrativo, rispondeva evidenziando che “il tema della parità di genere è di per sé evidentemente estraneo alla disciplina sulle modalità operative del voto e comunque non idoneo a giustificare un ulteriore differimento della data delle elezioni, oramai improcrastinabili”.

Con nota del 24 agosto 2021, del 31.08 e del 06.09 ad integrazione, quest’Ordine chiedeva al fornitore “Logica Informatica srl”, individuato all’esito di procedura ad evidenza pubblica ai fini dell’erogazione del servizio di votazione elettronica dal CNI tramite la Fondazione, l’utilizzo della piattaforma “VOTALI” per poter procedere allo svolgimento delle votazioni telematiche, aderendo alle condizioni di fornitura tecniche ed economiche stipulate tra la Fondazione e Logica Informatica srl. e individuando come data di indizione delle elezioni per il rinnovo del Consiglio territoriale il 13 settembre 2021.

Con circolare 781/XIX/2021 del 09.09.2021, avente per oggetto “Ordinanza TAR Lazio Sez. I, R.G. n. 3592/2021 (ord. N. 4846/2021) pubblicata il 9 settembre 2021 – Richiesta urgente di chiarimenti in merito alla prosecuzione delle votazioni di rinnovo dei Consigli provinciali degli Ordini degli Ingegneri”, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, nell’informare gli Ordini che il Tar Lazio, con l’ordinanza richiamata in oggetto, ha accolto la domanda cautelare proposta nuovamente dall’Ordine di Roma per la sospensione del regolamento elettorale per il voto a distanza e degli atti impugnati, trasmetteva la richiesta inoltrata d’urgenza alla Ministra della Giustizia di urgentissime indicazioni, in qualità di Ministro vigilante, circa gli adempimenti da porre in essere, osservando che la sospensione del TAR Lazio è motivata anche con riferimento alla necessità di approfondire le questioni di legittimità costituzionale che riguardano le norme generali che disciplinano le elezioni dei Consigli territoriali degli Ordini degli Ingegneri e che anche le elezioni indette con modalità di voto “in presenza” – ai sensi del DPR n. 169/2005 – potrebbero rischiare di essere inutilmente tenute ove il Giudice amministrativo ritenesse, in sede di merito (seduta fissata per il 20.10.2021), effettivamente sussistenti i profili di contrasto con il principio della parità di genere.

Tornerò a notiziarvi sul tema qualora intervenissero novità salienti.

Cordialmente.

Il Presidente Ing. Vincenzo Di Dio